Mantova – Palazzo Sordi

Altro palazzo storico della città è Palazzo Sordi, costruito per la famiglia dei marchesi Sordi dal fiammingo Frans Geffels nel 1680.

La facciata è squisitamente decorata da una composizione complessa tra pieni delle pareti e vuoti degli assi delle finestre, molto barocca, a due ordini, scandita da una serie di aperture binate sia in orizzontale, ovvero due finestre affiancate e molto ravvicinate, che in verticale, con l’inserimento di una balaustra a livello della fascia marcapiano.

In basso, risalti a lesena, formati da bozze alternative lisce e lavorato, con sopra lo stemma della famiglia. All’angolo destro, vi è il busto del committente: il marchese Benedetto Sordi, tesoriere di Stato del Duca Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers.

All’interno del Palazzo vi è un bellissimo, grandioso scalone d’onore, forse uno dei più belli della Mantova barocca, decorato con putti e vasi da Gian Battista Barberini.

Il cortile, bellissimo, è contraddistinto da un apparato decorativo che, in corrispondenza del balcone d’onore ad arco rotondo del piano nobile, vede la presenza di due grandi termini, cioè figure umane a mezzobusto, che sostengono un fregio ornamentale a spirali e, in alto, statue dentro nicchie.

Due saloni d’onore, decorati di stucchi e affrescati, sono al piano nobile, e sono denominati dell’Età e di Belgrado.

Di ho visto nina volare from Italy – mantova 2014, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52250894

Foto anteprima di: Di Massimo Telò – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=14920375