Mantova – Palazzo Valenti Gonzaga

In via Pietro Frattini al numero 7 si trova Palazzo Valenti Gonzaga, edificio storico della città. Già dal XVI secolo, il Palazzo fu la dimora dei marchesi Valenti Gonzaga.

Nel 1670, il Palazzo venne ristrutturato in stile barocco da un architetto fiammingo: Frans Geffels. La facciata del Palazzo, invece è opera dell’architetto Nicolò Sebregondi, che costruì anche Villa La Favorita, che si trova alle porte di Mantova.

Silvio Valenti Gonzaga, futuro cardinale nel 1738, noto collezionista di opere d’arte e prozie di Luigi Valenti Gonzaga, anche lui cardinale, nacque nel Palazzo.

Palazzo Valenti, vista dal cortile interno. Serie fotografica : Mantova, 1972. Di Paolo Monti – Disponibile nella biblioteca digitale BEIC e caricato in collaborazione con Fondazione BEIC.L’immagine proviene dal Fondo Paolo Monti, di proprietà BEIC e collocato presso il Civico Archivio Fotografico di Milano., CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=48062834

La famiglia che dà il nome al Palazzo seguì il declino della famiglia dei Gonzaga e la dimora venne abbandonata finché, negli anni Novanta del secolo scorso, non venne radicalmente restaurata, ritornando alla bellezza di una volta.

Nel piano nobile del Palazzo, che è squisitamente affrescato, ha sede la Galleria Museo Valenti Gonzaga, dove sono esposte mostre sia permanenti che temporanee. Qui troviamo gli affreschi del pittore fiammingo Frans Geffels e diciotto statue che sono state attribuite a Giovanni Battista Barberini, scultore comasco del XVII secolo. Inoltre, vi si può trovare una collezione di libri rari e antichi.

A sinistra del Palazzo, troviamo la Casa della Beata Osanna Andreasi, edificio storico del XV secolo, ora adibito a museo.

Mantova-Palazzo Valenti Gonzaga2.JPG